Classificazione fisiopatologica delle cardiopatie

La classificazione delle cardiopatie congenite è stata oggetto, in passato, di numerose modifiche ed interpretazioni che hanno privilegiato a volte o l’aspetto anatomico (come ad esempio tramite l’uso di eponimi come “tetralogia di Fallot”), o quello genetico-embriologico, oppure in base all’impatto funzionale sulla fisiologia e sulla emodinamica del cuore.

Considerando l’aspetto “congenito” delle malformazioni cardiache, uno degli schemi che meglio si adatta alle necessità cliniche di descrizione della cardiopatia è probabilmente quello basato su criteri di tipo funzionale. Tale interpretazione ha un valore particolarmente adatto nell’inquadramento delle urgenze neonatali e ha comunque il pregio di raccogliere in se una facilità descrittiva il cui impatto pratico e clinico è immediato e rapidamente comprensibile.
 
Le cardiopatie congenite possono così essere suddivise:
  • con iperafflusso polmonare
  • con ostruzione polmonare
  • con ostruzione sistemica
  • trasposizione dei grandi vasi
  • ritorno venoso polmonare anomalo
  • cardiopatie complesse
  • altre isolate
Handmade with love
Cosmobile.netSviluppo e gestione dati Iprov.comGrafica, design e comunicazione