Riposo giornaliero

Nel primo anno di vita del bambino la madre lavoratrice ha diritto a provvedere all’allattamento del figlio, usufruendo di due riposi giornalieri retribuiti di un’ora ciascuno. I riposi giornalieri sono cumulabili in un unico riposo di due ore, collocabile in vario modo entro la giornata di lavoro. Contemporaneamente il padre può usufruire del Congedo Contemporaneamente il padre può usufruire del Congedo parentale.

Se l’orario di lavoro è inferiore alle 6 ore giornaliere, si ha diritto a un solo riposo di un’ora. I riposi poi si riducono a mezz’ora nel caso all’interno dell’azienda sia presente un nido. La possibilità di usufruire dei riposi giornalieri è estesa al padre quando il figlio sia a lui affidato o in alternativa alla madre lavoratrice che non se ne avvalga o nel caso in cui la madre non sia lavoratrice dipendente. I riposi spettano anche in caso di adozione e di affidamento entro il primo anno dall’ingresso del minore nella famiglia adottiva o affidataria.

In caso di parto plurimo le ore sono raddoppiate e possono essere utilizzate anche dal padre. Il raddoppio dei riposi è previsto anche in caso di adozione o affidamento di due o più minori, anche se non sono fratelli, che entrano in famiglia nella stessa data.
Handmade with love
Cosmobile.netSviluppo e gestione dati Iprov.comGrafica, design e comunicazione